Quanto costa rinnovare la patente e come si fa

Rinnovo della patente di guida

Nel corso del 2014 sono state introdotte alcune importanti novità che è opportuno conoscere in modo da non trovarci impreparati in un momento in cui non piace a nessuno perdere tempo e denaro.
Anzitutto è da chiarire che la scadenza e rinnovo è un’operazione che dipende dall’età del guidatore e dal tipo di patente quindi gli intervalli sono variabili. Le patenti A e B vanno rinnovate ogni 10 anni fino ai 50 anni di età, ogni 5 anni per età compresa tra 50 e 70 anni, ogni 3 anni dopo i 70 anni, ogni 2 anni dopo gli 80 anni. Per le altre tipologie di patente fai riferimento alla tabella qui sotto.

(I tuoi amici lo sanno? Clicca per twittare questa domanda)
[tweetable alt=””]Ma tu lo sai quando va rinnovata la patente?[/tweetable]

Per alcuni tipi di patente basta una visita medica per accertare la persistenza dei requisiti fisici mentre per altre – come il rinnovo di patente professionale – sono previsti appositi esami per accertare la persistenza anche dei requisiti tecnici (conoscenze). Le visite mediche vanno effettuate da medici autorizzati (ASL, autoscuole o enti convenzionati) e presso le CML (Commissioni Mediche Locali). Tengo a precisare che il rinnovo non va confuso con la revisione: il rinnovo è un’operazione ordinaria che tutti i possessori devono effettuare mentre la revisione è un provvedimento imposto dalle autorità quando si hanno dubbi sulla persistenza dei requisiti psicofisici o tecnici.
La data di scadenza è riportata nella patente.

Scadenza delle patenti di guida in base alla tipologia

Tipo di patente

AM-A1-A2-A-B1-B

C1-C-C1E-CE

CE per guida autotreni e
autoarticolati sup. a 20 t. 

D1-D1E-D-DE

Fino a 50 anni

10 anni

5 anni

5 anni

5 anni

Tra 50 e 60 anni

5 anni

Tra 60 e 65 anni

1 anno c/o CML

Tra 65 e 68 anni

2 anni c/o CML

1 anno c/o CML

Tra 68 anni e 70 anni

Declassata a patente C

Declassata a patente C

Tra 70 e 80 anni

3 anni

Dopo 80 anni

2 anni

Il 9 gennaio 2014 è entrato definitivamente in vigore il decreto del Ministero dei Trasporti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 10 dicembre 2013. La modifica più importante riguarda l’addio al classico tagliando di rinnovo: verrà rilasciato direttamente un nuovo duplicato con foto aggiornata e documento decisamente più leggibile, rispetto a quello attuale spesso sgualcito e vecchio di anni. La patente nuova di zecca verrà spedita tramite posta assicurata, direttamente a casa.

Quanto costa rinnovare la patente

Si può rinnovare la patente fino quattro mesi prima della scadenza e occorre dimostrare di avere ancora requisiti psicofisici sufficienti per continuare a guidare in sicurezza, perciò è necessario sottoporsi a visita medica. E’ possibile effettuare la visita presso ASL, autoscuole o studi di consulenza che abbiano il medico convenzionato. Normalmente le stesse autoscuole e studi di consulenza provvedono al disbrigo delle formalità necessarie.
E’ necessario portare una fototessera recente, al momento della visita medica, mentre il medico dovrà compilare un documento online ed invierà tutto per via telematica (foto compresa) direttamente alla Motorizzazione, tramite il sito ilportaledellautomobilista.it così in tempo reale sarà rilasciata una ricevuta. Questo documento provvisorio, da mostrare agli agenti nel caso la patente sia nel frattempo scaduta, ha una validità di 60 giorni e autorizza la circolazione su territorio nazionale. Il costo di questa operazione è pari a 25 euro, per due versamenti (da 9 e 16 euro) da effettuare su bollettini prestampati e da consegnare al momento della visita. Va poi aggiunto il costo della visita medica (è variabile, ma può arrivare a 50 euro), i 6,80 euro per la spedizione della nuova patente e la spesa per la fototessera. L’altra novità riguarda la data di scadenza del documento: ora coinciderà con la data di compleanno dell’automobilista.

Documenti necessari per il rinnovo

  • Due fotografie a colori (formato tessera), uguali e recenti, non digitali, su fondo bianco e a capo scoperto
  • Patente posseduta e codice fiscale originale
  • Attestazione di versamento postale sul c/c n. 9001 di 9 euro. L’apposito modulo prestampato è disponibile presso gli uffici postali
  • Attestazione di versamento postale sul c/c n. 4028 di 16 euro. L’apposito modulo prestampato è disponibile presso gli uffici postali.

Rinnovo patente per chi ha più di 80 anni

Come abbiamo visto, c’è una particolare categoria di automobilisti che è tenuta a rinnovare la patente ogni due anni: gli over 80. Gli ultraottantenni devono effettuare, ogni due anni, l’accertamento dei requisiti psico fisici presso i consueti sanitari abilitati previsti dall’articolo 119 del Codice della strada, come, ad esempio, i medici delle sezioni di medicina legale delle ASL, gli ispettori medici delle Ferrovie dello Stato o i medici militari. I dubbi di molti dipendono dal fatto che per un breve periodo la norma aveva inasprito la procedura di rinnovo per le persone molto anziane, obbligandole ad effettuare la visita medica presso una Commissione medica locale. Ma dal febbraio 2012 tale norma è stata abolita.

Guidare con la patente scaduta

Mettersi alla guida comporta due rischi: il ritiro della patente e una multa da 148 euro a 594 euro, in base a quanto disposto dall’articolo 126 del Codice della Strada. E’ fondamentale ricordare, soprattutto per chi trascorre lunghi periodi senza guidare, che chi non rinnova la patente entro 3 anni dalla scadenza deve sostenere nuovamente gli esami teorico e pratico.

3 Comments

  1. Giuseppe 15 febbraio 2016 Reply
    • admin 19 luglio 2016 Reply
  2. Vincenzo 27 agosto 2016 Reply

Commenta qui se non usi Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *